Cascate della Soffia

Cascata della Soffia del Comune di Sospirolo

Descrizione

Le Cascate della Soffia (Valle del Mis - Gena Bassa 450m)

L'acqua del torrente Soffia precipita con un salto di 12 m in una profonda forra, chiusa da un tetto roccioso sporgente circa 16 m. Facilmente raggiungibile in pochi minuti lungo un sentiero attrezzato che parte dal Bar alla Soffia - Chiesetta di San Remedio.

Da "Una Storia, tante storie" la vita e la gente del Canal del Mis di Pieranna Casanova - dic. 1999 … Una stradina vicino al mulino portava ad un cancelletto, oltre il quale si poteva ammirare la più importante attrattiva turistica del Canal del Mis: la cascata della Soffia, spettacolare salto d'acqua in una forra attrezzata con un ponticello e con alcuni passaggi in piccole gallerie scavate nella grotta sottostante, per iniziativa di Francesco Doglioni, nato nel 1898 a Susin, comproprietario dell'Hotel. Prima che venissero aperte le gallerie, gli anfratti della roccia erano usati come frigorifero naturale, calando con delle corde in fondo alla cascata gli alimenti da tenere al fresco. Chi voleva vedere la cascata, attirato dal cartellone pubblicitario posto sulla strada opposta, doveva pagare il biglietto venduto dai Paganin. Ogni primavera Prima Redi addobbava le ringhiere laterali di protezione alle scarpate con rami di pino mugo e portava fiori freschi sul tavolino posto in un punto asciutto della grotta. I bambini preparavano mazzi di ciclamini da offrire ai turisti, che d'estate arrivavano numerosi, anche in comitive con la corriera, e alle coppie di fidanzati e di sposi che volevano fare una romantica passeggiata.

Galleria immagini


Modalità accesso

Informazione non disponibile


Indirizzo

32037 Sospirolo (BL)


CAP

32037



Ultimo aggiornamento

29/04/2024, 16:45
Salta al contenuto principale